Infiorata Noto 2018, Ne vale la pena?

Noto 2018 - "Cina in Fiore"

La Cattedrale di Noto dedicata a San Nicolò con in primo piano uno degli attori del Corteo Barocco.
Cattedrale di San Nicolò - Noto

Come tutte le più belle esperienze anche la mia visita di Noto iniziò così, per caso.

 

Sono stato selezionato all’interno del SOCIAL MEDIA TEAM ufficiale della 39° edizione dell’Infiorata di Noto 2018.

Avevo già visitato Noto in passato, ma non ero mai stato all’Infiorata.

Dopo averla vissuta e raccontata per tre intensi giorni su Instagram, e Facebook adesso posso affermare che è uno degli eventi più belli della nostra Sicilia.

Infiorata 2018: Cina in Fiore - La via della Seta

Negli ultimi anni l’Infiorata ha voluto aprire i propri confini verso l’Internazionalizzazione e la scoperta di culture differenti dalla nostra, omaggiando di anno in anno una diversa nazione.

 

Quest’anno la 39° edizione dell’Infiorata ha avuto come protagonista la Cina. 

L’arte cinese, gli intarsi, i pittogrammi tipici di questa cultura orientale, sono stati grande fonte di stimolo per i maestri infioratori.

 

La presenza di una Delegazione Cinese che ha disegnato 8 dei 16 bozzetti realizzati in via Nicolaci, la presenza di Casa Cina, realizzata dall’Istituto Confucio dell’Università Kore di Enna dove la millenaria tradizione cinese si è aperta alle migliaia di visitatori che hanno affollato Noto nei tre giorni di Infiorata, ed infine la visita dell’ambasciatore cinese in Italia Li Ruiyu, hanno impreziosito ancora di più l’evento, facendo dell’Infiorata l’esaltazione della conoscenza di popoli differenti tramite il tripudio dell’arte.

Noto e l'infiorata 2018: Cina in Fiore - La via della Seta
Infiorata di Noto 2018. In alto la Chiesa di Montevegini ed il suo campanile panoramico.

Qual'è il giorno migliore per visitare l'Infiorata?

Questa sarà sicuramente la prima domanda che vi porrete nel momento in cui penserete di andare a visitare la prossima Infiorata di Noto.

 

L’Infiorata di Noto andrebbe vissuta nei tre giorni, dal pomeriggio del venerdì fino alla domenica sera.

 

Se ciò non è possibile, sappiate che i maestri infioratori iniziano ad infiorare dalle 17.00 del venerdì pomeriggio per poi proseguire fino all’alba del giorno successivo.
Quindi NON conviene organizzare una gita fuori porta di un giorno nella giornata del venerdì perché vedreste solo i disegni preparatori realizzati in pittura bianca sulla pietra lavica di Via Nicolaci.

 

Sia il sabato che la domenica l’affluenza di visitatori è notevole ed io consiglio vivamente di andare la domenica.

 

Il clou della manifestazione infatti si ha la DOMENICA nella quale, oltre ad esserci più affluenza in via Nicolaci per visitare gli straordinari bozzetti realizzati dai maestri infioratori dell’Infiorata di Noto, la manifestazione si avvia a chiusura con il sontuoso e tanto atteso Corteo Barocco, che arriva nel primo pomeriggio in Piazza Municipio.

 

Successivamente viene dato l’arrivederci alle centinaia di migliaia di turisti accorsi nei tre giorni con un grande spettacolo di fuochi pirotecnici, video mapping e laser, quest’anno curato da Elisa Nieli.

Scalinata con donna cinese - infiorata Noto 2018. Realizzazione grafica: Carlo Coniglio.
Scalinate di via Cavour - progetto grafico: Carlo Coniglio

Prima di continuare, posso chiederti un like?

Indossa la Sicilia!

Tutte i miei più bei scatti si trasformano in t-shirt.

INDOSSA LA SICILIA. Non è fantastico? Scopri come....
Vai allo shop

Come vengono realizzati i bozzetti dell'Infiorata?

Lo straordinario realismo dei bozzetti realizzati pone in tutti i visitatori questo interrogativo.

 

Ho posto questa domanda a Corrado Parisi infioratore  che ha collaborato insieme al Corpo Bandistico dell’Istituzione Musicale “Città di Noto” alla realizzazione di due dei sedici bozzetti di Via Nicolaci.

 

I principali fiori che vengono utilizzati sono: garofani, gerbere e crisantemine.
Inoltre ha fondamentale importanza l’utilizzo della torba (impasto di terriccio ed acqua) che, come le linee della matita servono a realizzare i bordi all’interno dei quali verranno stesi i petali colorati.

 

Lucio Pintaldi invece, maestro infioratore dell’Associazione “Petali d’Arte” di Noto, mi ha rivelato che ogni maestro infioratore possiede i propri strumenti, trucchi del mestiere e materiali aggiuntivi ai petali che custodisce gelosamente.
I materiali aggiuntivi di solito sono sabbie di varia colorazione, semi ed erbe di vario genere, che servono soprattutto nella realizzazione dei volti e dei dettagli del bozzetto.

Noto e l'Infiorata 2018. La stesura della torba con la quale vengono creati i bordi e le forme da riempire con i petali.
Stesura della torba per la creazione dei bordi dei bozzetti all'interno dei quali stendere i petali.

L'Infiorata è solo in via Nicolaci?

Beh, la risposta è si! 
L’infiorata ogni anno viene realizzata in via Nicolaci.
Ma la grandezza di un evento di così grande portata non è dovuto solo ed esclusivamente ai bozzetti dell’Infiorata di Noto, se pur rimangono i protagonisti indiscussi.

 

Tutta Noto si apre ai tanti visitatori accorsi per vedere l’Infiorata di Noto ed è possibile visitare il patrimonio architettonico, storico ed artistico di tutta la capitale del barocco siciliano.

 

Vengono allestiti nel centro storico della città tanti mercatini di prodotti artigianali, le aree food in cui degustare piatti tipici della tradizione siciliana, mostre ed eventi collaterali all’Infiorata, rendendolo un evento che interessa non solo via Nicolaci, ma tutto il centro storico barocco di Noto.

Area food all'interno di un cortile barocco all'Infiorata di Noto 2018
Area food in un cortile barocco. Sul retro Palazzo Nicolaci.

Da un paio d’anni vengono create delle installazioni temporanee sulle scalinate di via Cavour che portano verso la parte alta della città di Noto. Le scalinate hanno davvero un forte impatto visivo e sono molto apprezzate dai tanti visitatori che amano fare foto di gruppo o selfie immersi nell’installazione.

 

Quest’anno il disegno delle tre scalinate è stato affidato a Carlo Coniglio art director di I white plus che ha creato delle soluzioni grafiche davvero interessanti e di forte impatto.

Le scalinate con le bellissime grafiche di Carlo Coniglio.
Scalinate di via Cavour - progetto grafico: Carlo Coniglio

Quali sono i punti migliori dai quali vedere l'Infiorata?

L’Infiorata, come tutte le opere d’arte merita di essere vista sia da vicino, che da lontano.
Conviene prima imboccare via Nicolaci dal Corso Vittorio Emanuele e camminare accanto ai bozzetti per coglierne i dettagli e la minuziosità realizzativa. Successivamente conviene salire su uno dei palazzi o delle Chiese circostanti via Nicolaci e godere dall’alto dei bozzetti nel loro complesso, cogliendo a distanza il grande effetto pittorico.

 

Uno dei punti da cui è possibile ammirare dall’alto i bozzetti è Palazzo Nicolaci. Affacciandosi dai balconi barocchi del Palazzo (considerati i più belli al mondo) è possibile notare i bozzetti proprio sotto di voi. Altri punti sono: il campanile della Chiesa di San Carlo ai piedi dell’Infiorata, sul Corso Vittorio Emanule ed il campanile della Chiesa di Montevergini su via Cavour, che in modo scenografico, conclude l’Infiorata.

 

Palazzo Nicolaci merita una visita anche per i fantastici interni affrescati ed arredati in stile barocco.

 

Le Chiese di San Carlo e Montevergini meritano una visita oltre che per la bellezza degli interni, per le bellissime viste panoramiche che si godono dai rispettivi campanili.

Ecco uno dei Bozzetti dell'Infiorata di Noto 2018 ripreso da uno dei balconi di Palazzo Nicolaci.
Bozzetto dall'alto. Foto scattata da uno dei balconi barocchi di Palazzo Nicolaci.

Come raggiungere Noto?

Noto è raggiungibile percorrendo le autostrade
A18 ME-CT-SR e A19 PA-CT-SR
Uscita Bivio Cassibile proseguimento per la S.S. 115 fino a Noto – autostrada A18 Siracusa – Gela (in esercizio fino a Rosolini) uscita casello Noto.

Infine...

Noto è una città da visitare 365 giorni l’anno, ma nei tre giorni di Infiorata il bel salotto barocco si veste di una particolare luce che lo rende ancora più affascinante.

 

Spero di essere riuscito a raccontare tramite le domande principali che un turista si pone ed ai miei scatti INSTAGRAMil grande evento dell’Infiorata di Noto 2018.

 

L’anno prossimo l’Infiorata compie quarant’anni e si prospetta una edizione ancora più all’ingrande rispetto a quella di quest’anno.

 

Se ti ho fatto venire la curiosità e vuoi anche tu vedere questo straordinario evento…

 

Ci si vede a Noto a Maggio 2019!

Per qualsiasi domanda non esitare a contattarmi al seguente link.

Il mio social-reportage